Documenti: 6

Progetto: Gli autografi di Jean-Jacques Rousseau

Aprile 2014

Status: In corso

Finanziato da: swissuniversities

Descrizione del progetto: Gli autografi di Jean-Jacques Rousseau (1712-1778) si conservano in diversi luoghi. Ogni volta che Rousseau cambiava luogo di residenza, lasciava le sue carte ad un amico stretto, così per es. Pierre-Alexandre DuPeyrou, che ha potuto lasciare in eredità alla Biblioteca di Neuchâtel, oggi Biblioteca pubblica e universitaria, una grande collezione di importanti opere e di quaderni di lavoro di questo autore. Altri autografi si trovano presso la Biblioteca di Ginevra, alla quale sono stati lasciati dall’amico ed editore ginevrino di Rousseau Paul Moultou. Autografi si trovano anche all’estero: nella Bibliothèque de l’Assemblée nationale e nella Bibliothèque nationale de France, nel Musée Rousseau di Montmorency o nella Morgan Library & Museum a New York.
La Bibliothèque publique et universitaire di Neuchâtel inizia col pubblicare, in un sottoprogetto dedicato agli autografi di Jean-Jacques Rousseau, «Les Rêveries du promeneur solitaire» ed il «Dictionnaire de Musique». Scopo è quello di organizzare una rete comune coordinata per gli autografi di Jean-Jacques Rousseau.

Tutte le biblioteche e collezioni

Preview Page
Cologny, Fondation Martin Bodmer, R-49.1
Carta · 1 f. · 18 x 12 cm · non datato [c. 1764]
Jean-Jacques Rousseau, Lettres écrites de la montagne (lettera VII), seconda minuta, autografo

Le Lettres écrites de la montagne costituiscono l'ultima opera di Rousseau pubblicata quando egli era ancora in vita. Per la prima volta, il filosofo interviene direttamente negli affari di Ginevra. Esse contengono, oltre alla proposta costituzionale sugli sviluppi sullo spirito della Riforma, una difesa del Contrat Social. La lettera VII, dalla quale è tratto questo foglio, sostiene il diritto di rappresentazione quando si tratti di correggere gli abusi del Piccolo Consiglio, e consiglia ai Borghesi riuniti nel Consiglio Generale di rifiutare ogni nuova elezione di magistrati se questi si intestardiscono ad oltrepassare i diritti loro attribuiti dalla Costituzione. Queste Lettres furono censurate sia a Ginevra che a Parigi. Il presente documento proviene dalla collezione Ch. Vellay (acquistato da Martin Bodmer nel 1926) e costituisce la minuta di due passaggi delle Lettres, il primo che figura nell'edizione originale (Amsterdam, M. M. Rey, 1764), il secondo nell'edizione delle Œuvres complètes della Bibliothèque de la Pléiade. (giv)

Online dal: 22.06.2017

Preview Page
Cologny, Fondation Martin Bodmer, R-49.2
Carta · 38 pp. · 27.5 x 18.5 cm · dicembre 1740
Jean-Jacques Rousseau, Mémoire présenté à M. de Mably sur l’éducation de M. son fils

Il testo Mémoire présenté à M. de Mably sur l’éducation de M. son fils costituisce il primo scritto di Rousseau inerente la sua esperienza di educatore. Nel 1740 a Lione egli fu incaricato di un difficile incarico da precettore presso la famiglia del notabile Jean Bonnot de Mably, prevosto generale della polizia militare di Lione. Questo incarico terminò bruscamente già dopo un anno. Gli furono affidati due bambini poco inclini agli studi: François-Paul-Marie Bonnot de Mably, soprannominato M. de Sainte-Marie, di cinque anni e mezzo, e Jean-Antoine Bonnot de Mably, soprannominato M. de Condillac, di quattro anni e mezzo. Il lungo testo del Mémoire, consacrata al primo, mette in rilievo una "commande éducative" e una esperienza di educazione applicata: si presenta come un progetto ed una sintesi, e la sua redazione viene collocata intorno al dicembre del 1740. Il giovane precettore si rivolge a M. de Mably annunciandogli il piano e l'ordine di una educazione per il figlio atta a "formare il cuore, il giudizio e lo spirito". Non si tratta dell'educazione naturale che venne più tardi preconizzata nell'Émile. Rousseau ha veramente consegnato questo Mémoire a M. de Mably? Si sa solamente che egli offrì questo manoscritto col testo Mémoire a Mme Dupin, sua datrice di lavoro nel 1743, e che da quel momento si conservò tra le "carte di Mme Dupin". Fu pubblicato per la prima volta nel 1884 a Parigi da G.de Villeneuve-Guibert ne Le portefeuille de Madame Dupin. Il manoscritto della Fondazione Bodmer è il solo esistente. Un Projet d’éducation molto più breve, di costruzione più chiara e di data sconosciuta, era stato dapprima trovato nelle carte di Rousseau al momento della sua morte (questo manoscritto oggi perduto era stato pubblicato a Ginevra nel 1782). E' molto vicino al Mémoire e sembra essere più tardo (non vi è tuttavia alcuna certezza in quanto all'ordine di successione cronologica dei due testi). (brc)

Online dal: 23.06.2016

Preview Page
Neuchâtel, Bibliothèque publique et universitaire de Neuchâtel, Ms. R 17
Carta · 182 + 48 pp. · 25 x 20 cm · 1764-1767
Jean-Jacques Rousseau, Confessioni

Manoscritto dei tre primi libri delle Confessions e di una parte del quarto. Rispetto alle altre copie conosciute, questa contiene numerose correzioni e varianti. Mezza legatura in pergamena (dorso e angoli), con la segnatura n. 23 scritta a mano sul piatto, ricoperta di una fodera di protezione in carta permanente. Nella versione a stampa il testo introduttivo è stato soppresso. (beg)

Online dal: 17.12.2015

Preview Page
Neuchâtel, Bibliothèque publique et universitaire de Neuchâtel, Ms. R 55
Carta · 432 ff. · 24 x 18-18.5 cm · Parigi · 1753-1764
Jean-Jacques Rousseau, Dictionnaire de musique

Prima redazione autografa incompiuta, con un certo numero di cancellature e di rinvii. Ogni fascicolo è costituito da 12 bifogli. Pagine numerate da Rousseau. Il recto dei fogli contiene il testo, il verso le correzioni e le aggiunte. Nel suo Dictionnaire de musique Rousseau riprende i circa quattrocento articoli che egli stesso aveva redatto nel 1749 per L’Encyclopédie. Dal 1753, in risposta agli attacchi ed alle critiche sollevate dalle sue note, egli si apprestò ad un lavoro di revisione e di riscrittura. Mirando all'esaustività lessicografica nel campo musicale, l'autore moltiplicò le voci nuove arrivando così a quasi novecento nuove parole. Il manoscritto è stato lasciato in eredità alla Biblioteca di Neuchâtel nel 1794 dal neocastellano Pierre-Alexandre DuPeyrou (1729-1794), amico ed editore di Jean-Jacques Rousseau. (beg)

Online dal: 09.04.2014

Preview Page
Neuchâtel, Bibliothèque publique et universitaire de Neuchâtel, Ms. R 78
Carta · 140 pp. · 16.8 x 10.7-10.9 cm · Parigi · 1776-1778
Jean-Jacques Rousseau, Les Rêveries du promeneur solitaire

Copia autografa accurata delle prime sette passeggiate (sulle dieci che comprendono il testo edito), con qualche passaggio stralciato e cancellato. Ogni fascicolo è costituito da 12 bifogli. Pagine numerate da 1 a 83 da Rousseau, poi da p. 84 e seguenti da Th. Dufour. Nelle Les Rêveries Rousseau realizza un ultimo lavoro di introspezione, sotto forma di meditazioni e di riflessioni filosofiche, che lui stesso qualifica come appendice alle sue Confessions. Nella quinta passeggiata egli descrive con nostalgia i momenti di felicità solitaria passati sull'isola Saint-Pierre, sul lago di Bienne. Ultimo testo di Rousseau, Les Rêveries vennero recuperate alla morte del filosofo dall'amico ed editore, il neocastellano Pierre-Alexandre DuPeyrou (1729-1794). Quest'ultimo lasciò il manoscritto in eredità alla Biblioteca di Neuchâtel nel 1794. (beg)

Online dal: 09.04.2014

Preview Page
Neuchâtel, Bibliothèque publique et universitaire de Neuchâtel, Ms. R 79
Carta · 25 + 33 ff. · 15.5 x 10.3 cm · 1777-1778
Jean-Jacques Rousseau, Minuta delle “Promenades”

Piccolo quaderno con legatura del sec. XVIII in cartone ricoperta di pergamena. Doppia numerazione realizzata da Théophile Dufour. Inchiostro e matita. Il manoscritto, molto corretto, contiene la minuta delle passeggiate da otto a dieci delle Rêveries du Promeneur solitaire, così come dei passaggi relativi ai Dialogues. Si riferisce anche alla botanica. (beg)

Online dal: 17.12.2015

Documenti: 6